Ecco il nuovo Editoriale di BombaCarta, realizzato da Tiziana Debernardi e dedicato ad un nuovo verbo/azione

Il nostro incontro di Officina dedicato a questo tema si terrà, eccezionalmente, martedì 29 Dicembre alle ore 16.00, sempre presso la sede di Pietre di scarto.  

Tagliare. Ovvero abbassare, abbreviare, accoltellare, accorciare, affettare, aprire, asportare, barrare, censurare, decurtare, defalcare, diminuire, disattivare, falciare, ferire, incidere, incrociare, intersecare, ledere, lesionare, mietere, mozzare, mutilare, passare, recidere, regolare, resecare, riassumere, ridurre, sagomare, scalare, scontare, scucire, sezionare, sfoltire, solcare, sottrarre, spezzare, spezzettare, spuntare, sminuzzare, graffiare, eliminare, levare, amputare, attraversare, fendere, percorrere, arrestare, far cessare, bloccare, fermare, tagliuzzare, tarpare, tranciare, trinciare, troncare, stringere, sopprimere, cancellare, togliere, alzare, separare, interrompere, mescolare, mischiare, dividere, intagliare, radere, rasare, scorciare, sfaccettare, segare, potare, smazzare.

Dunque dopo “uccidere”, un’azione simile, molto vicina. E ugualmente un po’ “negativa”.

Ma i sinonimi aprono possibilità insospettabili: sagomare è un’azione creativa; spezzare può avere un’anima generosa, di condivisione (“Prese il pane; lo spezzò e lo diede ai suoi discepoli…”); attraversare fa sognare, andare lontano con il pensiero e con il corpo; separare e mescolare ci spediscono dritti in cucina ai fornelli, alle prese con una ricetta, mentre mietere, solcare e potare ci portano alla cura dei campi, di un giardino e delle piante da preparare per la nuova fioritura (la talea).

Come non ricordare il bellissimo dialogo dal film Being there (Oltre il giardino, 1979, Hal Ahsby) dove Peter Sellers interpreta la splendida figura di Chance, il giardiniere autistico che, con un linguaggio tanto reale quanto metaforico, finisce per diventare il consigliere del presidente degli Stati Uniti:

Presidente: Lei è d’accordo con Ben? Pensa che possiamo stimolare la crescita con incentivi temporanei?
Chance: Fintanto che le radici non sono recise, va tutto bene, e andrà tutto bene, nel giardino.
Presidente: Nel giardino.
Chance: Sì. In un giardino c’è una stagione per la crescita. Prima vengono la primavera e l’estate, e poi abbiamo l’autunno e l’inverno. Ma poi ritorna la primavera e l’estate.
Presidente: Primavera e estate.
Chance: Sì.
Presidente: E… autunno e inverno.
Chance: Sì.

Un taglio può costruire come diceva Lucio Fontana. Ed è altrettanto vero che un taglio è una ferita, un fendente, un’amputazione.

Tagliare è un verbo che si presta a numerose letture, un’azione che produce effetti molto diversi fra loro. Partiamo da queste suggestioni e costruiamo l’Officina di dicembre. Anzi, continuiamo a contribuire.

Annunci